Informazioni sulle Unità Formative organizzate dalla scuola Polo in accordo con l’USR

Le iniziative formative di carattere nazionale, finanziate col 40% dei fondi destinati a ciascun Ambito, faranno riferimento alle seguenti priorità:

  1. educazione civica con particolare riguardo alla conoscenza della Costituzione e alla cultura della sostenibilità (Legge 92/2019);
  2. discipline scientifico-tecnologiche (STEM);
  3. nuova organizzazione didattica dell’istruzione professionale (D.I. 92/2018);
  4. modalità e procedure della valutazione formativa e sistema degli Esami di Stato (D.lgs. 62/2017);
  5. realizzazione del sistema educativo integrato dalla nascita fino ai 6 anni (D.lgs. 65/2017);
  6. linee guida per i percorsi per le competenze trasversali e di orientamento (D.M.774/2019)
  7. contrasto alla dispersione e all’insuccesso formativo;
  8. obblighi in materia di sicurezza e adempimenti della Pubblica Amministrazione (privacy, trasparenza, ecc.).
  9. l’inclusione degli alunni con Bes, DSA e disabilità (D.Lgs. 66/2017 e 96/2019);
  10. il Piano nazionale Scuola Digitale, con particolare riferimento alla cittadinanza digitale.

Tali percorsi formativi sono coordinati dagli USR attraverso il coinvolgimento diretto delle scuole polo per la formazione.

Questo livello di formazione, quindi, risponderà ad esigenze di approfondimento per i temi segnalati come prioritari a livello nazionale; potranno essere rivolte a gruppi delimitati di insegnanti individuati come figure di facilitatori della formazione (tutor, coordinatori, referenti); assumeranno un carattere di sistema per agevolare una più capillare azione formativa all’interno delle scuole.

STRUTTURA DELLE UU.FF.

Le UU.FF. organizzate dalla scuola polo, di norma, sono strutturate secondo un percorso di 25 ore, così come indicato dall’U.S.R. per la Toscana, ripartite in 15 ore in presenza e 10 ore a distanza secondo la seguente tabella:

ATTIVITÀN. ORE
Formazione in presenza 12
Formazione a Distanza e/o Ricerca – Azione10
Restituzione3
TOTALE 25

Per alcune UU. FF. sarà possibile portare le ore in presenza a 25.  

MODALITÀ DI ISCRIZIONE DA PARTE DEI DOCENTI

Docenti a tempo indeterminato: l’iscrizione avviene ESCLUSIVAMENTE attraverso la Piattaforma S.O.F.I.A., ricercando l’U.F. tramite il suo titolo o il codice.

Docenti a tempo determinato: essendo le risorse economiche destinate all’aggiornamento obbligatorio dei docenti a T.I., i docenti a T.D. possono accedervi in presenza di posti disponibili; l’iscrizione avviene ESCLUSIVAMENTE attraverso un form ritrovabile sul sito della Rete di Ambito 18 (https://ambito18.altervista.org/)  e sui siti degli Istituti della Rete di Ambito 18 (https://ambito18.altervista.org/gli-istituti/).

IL RUOLO DEL DIRETTORE DEL CORSO

Il Direttore del Corso, individuato nel Dirigente scolastico della sede dell’U.F., assicura il supporto logistico al Formatore ed al Tutor e tiene i contatti col Dirigente scolastico della Scuola Polo, segnalando tempestivamente eventuali anomalie. In particolare si occupa di:

  • coordinare e supervisionare le attività formative;
  • tenere i contatti con gli esperti Formatore e Tutor;
  • ricevere e gestire le istanze di corsisti ed esperti relative al corso;
  • rilasciare eventuali attestazioni di presenza per i richiedenti nella sezione “materiali predisposizione Unità Formative” (https://ambito18.altervista.org/materiali/);
  • raccogliere la documentazione finale del corso.

IL RUOLO DELL’ESPERTO FORMATORE

L’Esperto Formatore:

  • una volta ricevuta la nomina, compila il Form “Estremi per l’attivazione Unità Formativa” presente nella sezione del sito “materiali predisposizione Unità Formative” (https://ambito18.altervista.org/materiali/), necessario per la ‘attivazione dell’Unità Formativa;
  • si occupa dell’organizzazione, preparazione, erogazione, valutazione e certificazione delle attività formative, sia in presenza che in R/A e/o FAD;
  • prepara e fornisce i materiali didattici e i sussidi necessari alla migliore riuscita del corso;
  • effettua la raccolta, la revisione e la validazione dei lavori dei corsisti;
  • compila i registri delle lezioni, il report finale e/o eventuali altri documenti richiesti ai fini della documentazione del/i percorso/i, compresi eventuali questionari proposti dal MIUR.

IL RUOLO DELL’ESPERTO TUTOR

Il Tutor coadiuva/supporta il Formatore nelle attività sopra elencate (elenco non esaustivo). In particolare:

  • effettua la mediazione tra Formatore e Corsisti, collaborando col Formatore nell’ambito delle attività laboratoriali e di R/A e/o FAD;
  • gestisce i registri cartacei (sez. del sito “materiali predisposizione Unità Formative”: https://ambito18.altervista.org/materiali/) e raccoglie le Autocertificazioni finali sulle attività non in presenza dei corsisti (sez. del sito “materiali predisposizione Unità Formative”: https://ambito18.altervista.org/materiali/), verificandone la correttezza;
  • compila il prospetto riepilogativo delle presenze (sez. del sito “materiali predisposizione Unità Formative”: https://ambito18.altervista.org/materiali/) per il rilascio dell’attestato (da inviare a reteambito18@gmail.com);
  • raccoglie tutta la documentazione del corso, compresi i materiali autoprodotti, i sussidi, le dispense, ecc. e le consegna al DS della Scuola Sede di erogazione del corso, Direttore del corso, segnalando tempestivamente eventuali anomalie.

Entrambi gli esperti, il formatore ed il Tutor, terranno i contatti direttamente con il DS della Scuola Sede di erogazione del corso per quanto riguarda le problematiche di tipo logistico, cambio calendario e/o orari, gestione iscritti, ecc. e, ove necessario, il DS della Scuola Polo usando la casella: reteambito18@gmail.com.

PRESENZE

Per il rilascio dell’attestato di partecipazione si richiede la frequenza minima del 75% del totale delle ore in presenza (arrotondato per eccesso) e di tutte le ore in FAD e/o R/A, pertanto, la frequenza minima per le UU.FF. da 25 ore è 11 ore in presenza + 10 ore* FAD e/o R/A = 21 ore.

In caso di malattia, gravidanza, infortunio, ecc., se si supera il limite del 25%, non può essere rilasciato il relativo attestato.

In caso di concomitanza della singola lezione dell’U.F. con attività funzionali (collegi, consigli di classe, interclasse, intersezione, ecc.) o di attività di docenza in classe/sezione, ovvero di altro servizio connesso al ruolo di docente, occorre far richiesta al DS del proprio Istituto.

Per le Unità Formative strutturate su un pacchetto orario diverso da 25 ore, dovrà comunque, essere tenuta presente la frequenza minima del 75%.

*ORE DI FORMAZIONE A DISTANZA E/O RICERCA – AZIONE

Per la rendicontazione delle attività FAD e R/A o sperimentazione didattica, oltre ai lavori richiesti dall’esperto e discussi nell’incontro di restituzione finale, il corsista dovrà compilare un modulo di autocertificazione (https://ambito18.altervista.org/materiali/), con il quale indicherà le attività svolte e le relative ore impiegate (essendo svolte in maniera autonoma, è richiesto il 100% di frequenza). Il modulo di autocertificazione dovrà essere restituito in cartaceo, nell’incontro di restituzione finale, al Tutor che caricherà le relative ore sul prospetto riepilogativo delle presenze ai fini del rilascio dell’attestato (in formato excel, da inviare a reteambito18@gmail.com).

RILASCIO DELL’ATTESTATO DI PARTECIPAZIONE AL TERMINE U.F.

Docenti a tempo indeterminato: l’attestato sarà generato direttamente dalla Piattaforma S.O.F.I.A. dopo aver compilato un questionario di gradimento dell’U.F..

Docenti a tempo determinato: l’attestato sarà pubblicato sul sito della Rete di Ambito (https://ambito18.altervista.org/) alla fine dell’a.s.

Precedente Docenti neoassunti A.S. 2019-2020 ammessi al Visiting Successivo Le novità in materia di formazione in servizio alla luce della Nota MIUR n. 49062 del 28.11.2019